PALESTRA

| BEST POINT | | RICICLO CREATIVO | | ARTI ESPRESSIVE | | PALESTRA |

PALESTRA

PREMESSA
Quello dello sport è un linguaggio universale, possiede in sé una straordinaria forza di rottura nei confronti degli schemi prestabiliti e una capacità di rendere permeabili gli strati sociali. È attraverso lo sport che è possibile trasmettere un messaggio di uguaglianza, rispetto delle regole, condivisione e solidarietà. Lo sport è anche lo strumento ideale per promuovere quei processi di socializzazione che si pongono come obiettivo la valorizzazione delle diversità, la legittimazione ad essere come si è, a stare al mondo e ad http://teadeafiran.com/help-with-dating-7hr occupare spazi costruiti in modo partecipato. Attraverso l’apprendimento di una disciplina sportiva, i partecipanti saranno uniti da qualcosa che trascende l’appartenenza etnica o religiosa e verrà sottolineata la costruzione di una cultura comune del benessere e del rispetto delle regole.
Attraverso lo sport avviene il confronto con l’altro. È nello sport che l’io e il tu si fondono, accomunati dallo stesso obiettivo. Riflettere sull’io e sul tu porta alla scoperta delle relazioni interpersonali, aiuta ad accettare e ad essere accettati, ad abolire la disuguaglianza, che è un giudizio di valore e ad affermare la diversità che è un dato di fatto. Affinché lo sport non sia solo una pratica ma una disciplina, occorre trasmettere l’osservanza delle regole non come l’eccezione ma come la normalità. È dal rispetto delle regole che nasce la condizione di parità ed è attraverso un rapporto tra pari che si afferma la democrazia.

DESTINATARI DELL’INTERVENTO
Inizialmente il progetto è rivolto agli utenti dei centri d’accoglienza della Cooperativa INOPERA (circa 350 persone tra adolescenti e adulti), dunque sia i minori bengalesi, sia i rom. È possibile ipotizzare, in una fase più avanzata del progetto, l’accesso alla popolazione residente sul territorio con modalità da definire.

FINALITA’ GENERALI E OBIETTIVI DELL’INIZIATIVA
L’attivazione di uno spazio per l’esercizio e l’apprendimento di varie discipline sportive ha la finalità generale di trasmettere ai partecipanti, tutti utenti ospiti dei centri d’accoglienza, una serie di regole utili per la convivenza, la solidarietà e il rispetto reciproco. Si intende altresì promuovere una cultura della legalità, del dialogo, scoraggiando tutti quei comportamenti che invece vi si discostano. L’apprendimento di una disciplina sportiva in età http://ifthor.se/assyrian-singles-xow/ giovanile contribuisce fortemente alla formazione del carattere, si intende quindi promuovere questi processi con l’obiettivo di formare giovani che si discostino dall’illegalità e dall’emarginazione sociale e trovino gli strumenti valoriali, etici e di rafforzamento della personalità attraverso la pratica dello sport, del gruppo, dell’ambiente in cui viene praticato.
Si pensi ad esempio alla semplice osservanza della regola di presentarsi puntuali all’inizio della lezione. Una volta trasmessa l’importanza di questa semplice regola, sarà assai più facile per il/la partecipante applicarla in modo trasversale ad altri contesti della sua vita come gli orari dei pasti, della scuola eccetera.

FASI E AZIONI PREVISTE DALL’INIZIATIVA
Al fine di promuovere i valori sopra citati e di attivare i corsi delle discipline sportive, la Cooperativa INOPERA mette a disposizione gli spazi necessari all’allestimento di una palestra per l’allenamento e la pratica di vari sport. Al momento, considerate le risorse già presenti nello staff della cooperativa, è prevista l’attivazione di due corsi, differenziati aretha franklin singles chronolgical per categoria d’utenza:
Per i ROM un corso di prepugilistica tenuto da due insegnanti qualificati;
Per i minori bengalesi un corso di arti marziali (in particolare del jujitsu) tenuto da un insegnante qualificato e tesserato UISP.
È inoltre possibile la pratica di pesistica e body building con l’ausilio di un allenatore esperto.
Per poter avviare i corsi e rendere la palestra attiva, verranno seguite le seguenti fasi:

  • Reperimento dei materiali
  • Pulizia, messa in sicurezza e allestimento della sala
  • Coinvolgimento dell’utenza
  • Coinvolgimento degli insegnanti e di addetti alla sala
  • Visite mediche e certificazione di sana e robusta costituzione per coloro che desiderano prendere parte al progetto
  • Tesseramento ad una federazione/ente di promozione sportiva (nel caso di discipline come le arti marziali)
  • Inizio dei corsi
  • Monitoraggio, iscrizioni, creazione di una “segreteria” per le ammissioni, i certificati medici, i tesseramenti, gli orari di apertura e le lezioni degli insegnanti
  • Eventuale apertura a persone esterne al centro

Ogni fase del progetto verrà monitorata da personale esperto in grado di modificare in itinere i passi previsti in caso di anomalie o per l’insorgenza di contrattempi.
Ci si avvarrà inoltre della collaborazione di vari enti che provvederanno secondo le loro specifiche competenze, alla realizzazione del progetto.
In particolare, sono attivi i contatti con:

  • Fondazione OXYLANE per sponsor tecnico (fornitura attrezzature e volontari professionisti per supportare gli insegnanti INOPERA)
  • DECATHLON (fornitura attrezzature ed allestimento della palestra)
  • UISP – Unione Italiana Sport per Tutti (consulenza tecnica, tesseramenti e modalità di avvio)
  • LIBERI NANTES (associazione sportiva per l’accesso allo sport di categorie svantaggiate come i migranti forzati)
  • Rete Near (UNAR) per la visibilità dell’iniziativa