STOP GRAFFITI

SCUOLA DI ITALIANO | | STOP STALKING | | STOP GRAFFITI | | TIROCINIO FORMATIVO |

graffiti

PREMESSA
Nella maggior parte dei paesi occidentali il “graffitismo selvaggio” viene considerato già da diversi anni un reato e come tale perseguito penalmente con tanto di nuclei antigraffiti appositamente istituiti presso gli uffici di polizia (Australia, Canada, Regno Unito, Nuova Zelanda, Stati Uniti, ecc.).
Il fenomeno dei “graffitari” ormai costituisce un vero problema sociale, tanto da doverlo combattere con leggi specifiche e sempre più severe (vedesi il DDL sulla sicurezza, art.635 e 639 in materia della “Tutela del Decoro Urbano”). Secondo una recente stima (per difetto) dell’Associazione Nazionale Antigraffiti, le operazioni di rimozione costano alla società oltre 75 milioni di euro all’anno; di questi i danni registrati ai palazzi di proprietà dei comuni ammontano a oltre 25 milioni di euro.

OBIETTIVI DELL’INIZIATIVA
Il progetto nasce in partenariato con ROMA CAPITALE – Ufficio di Sicurezza, Ministero di Giustizia – CGM per Lazio e cooperativa INOPERA quale promotore ed esecutore di iniziativa con l’obiettivo di affrontare alla radice il problema di imbrattamento delle pareti ed in particolare di quelle degli edifici scolastici.
In particolare il progetto aveva i seguenti obiettivi:
Contribuire concretamente al miglioramento del decoro degli edifici scolastici con azioni di rimozione di scritte, tags e graffiti dalle pareti (scuole comunali, asili nido, ecc.) e la protezione delle pareti (laddove la superficie lo consente) con prodotti specifici per rendere successivi interventi più rapidi e meno costosi;
Consolidare il messaggio di civiltà e dare la visibilità di come l’Amministrazione è decisa ad affrontare il fenomeno attraverso un’azione capillare di interventi mirati, segnalazione di problematiche sorgenti, la visibilità attraverso il contatto quotidiano con i residenti;
Rafforzare le basi per un intervento a favore del rafforzamento e di potenziamento del decoro che coinvolga maggiormente i cittadini, soprattutto i giovani delle scuole medie e superiori, quali protagonisti e costruttori del decoro urbano: quindi il decoro come valore che attraversa ogni azione del vivere quotidiano.
Creare opportunità di occupazione stabile a favore di persone socialmente svantaggiate anche attraverso interventi congiunti con i Servizi Sociali del Ministero della Giustizia – CGM per Roma (il rinnovo del Protocollo di Intesa tra le parti);

DURATA
2 anni (2010/2011)

OBIETTIVI RAGGIUNTI

  • Numero scuole coinvolte: 26 (distribuite in tutti i municipi);
  • Mq di pareti ripulite e/o ripristinate: 16.000 (circa 618 mq per ogni singola scuola);
  • Numero alunni coinvolti negli incontri tematici: 1665;
  • Numero docenti coinvolti negli incontri tematici: 76;
  • Numero Borse Lavoro coinvolte nelle attività di ripulitura e ripristino pareti: 4